Ricerca rapida

Affina la ricerca

CATALOGO > le impurità del bianco > Per tutte le altre destinazioni
 
Per tutte le altre destinazioni
Fabrizia Pinna
prezzo online
13.00 €
 
collana:
pagine:
anno:
formato:
ISBN:
le impurità del bianco
160
2007
Formato: 12x19,5 - Brossura filo refe con alette
ISBN: 978-88-95166-02-5
 
Sinossi
Sono i segnali che permettono alla spaesata Giulietta di dare un senso, a soli cinque anni, alla perdita della madre e, in un rovesciamento dolce e aspro, la portano a una conquista di sé non a tutti concessa. Sono gli stessi segnali che fanno sopravvivere e anzi rinascere Aurelio e Angelo da una diversa (ma nei risultati identica) forma di abbandono. Sono la guida che permette a tutti e tre (e forse a tutti gli uomini) di costruire il futuro sui rottami del passato...

Per tutte le altre destinazioni, ci sono voci a cui non si può non rispondere. Che si tratti dell'intuizione della propria vocazione accelerata dal dolore, come capita a Giulietta, la bambina prodigio in cinismo e fragilità protagonista di Blonditudo, o della scoperta rocambolesca della propria vera identità, così distante da quella fino ad allora data per certa, come succede ad Aurelio e Angelo, gemelli adolescenti di Réclame d’Afrique, in ogni caso a quelle voci che "diventano ragioni" è inevitabile che si dia ascolto. Sono i segnali che permettono alla spaesata Giulietta di dare un senso, a soli cinque anni, alla perdita della madre e, in un rovesciamento dolce e aspro, la portano a una conquista di sé non a tutti concessa. Sono gli stessi segnali che fanno sopravvivere e anzi rinascere Aurelio e Angelo da una diversa (ma nei risultati identica) forma di abbandono. Sono la guida che permette a tutti e tre (e forse a tutti gli uomini) di costruire il futuro sui rottami del passato, di proporsi nuovi destini lontano dalle acque morte del rimpianto. In uno stile che ha il ritmo di una corsa di macchine notturna e la freschezza instabile delle turbolenze, Fabrizia Pinna ci guida insieme ai suoi personaggi lungo il percorso indicato da quelle voci. Per lei, concittadina dei navigatori antichi, direbbe il suo più recente conterraneo ed omonimo De André, "penso che sia normale". Per noi lettori la sua prima pagina è l'inizio di un lungo, 'necessario' viaggio.
 
Fabrizia Pinna
FABRIZIA PINNA è nata a Genova nel 1981. “Per tutte le altre destinazioni”, il suo esordio nella narrativa (“passione che ha coltivato e custodito gelosamente dall’adolescenza, a fianco e come riparo degli studi giuridici”) ha costituito un “piccolo caso letterario”, grazie all’apprezzamento e alle recensioni di critici noti, che ne hanno segnalato e discusso l’uscita su testate come «L’indice dei libri», «La Repubblica», «il Domenicale»…
Recensioni
 
Ti potrebbero interessare anche
AMERICA 2.0 Canzoni e racconti di una grande illusione
di Fabio Cerbone
 
Corpi estratti dalle macerie
di Franco Calandrini
 
Un mucchio di giorni così
di Angelo Calvisi