Ricerca rapida

Affina la ricerca

CATALOGO > le impurità del bianco > La ghenga del Barozio
 
La ghenga del Barozio
Bettina Baldassari
prezzo online
15.00 €
 
collana:
pagine:
anno:
formato:
ISBN:
le impurità del bianco
224
2007
Formato: 12x19,5 - Brossura filo refe con alette
ISBN: 978-88-95166-04-9
 
Sinossi
Tre amiche, la Betti, la Vale e la Cri, e il Barozio, negozio di abbigliamento in cui i vestiti sono più le cavie di strampalati esperimenti art nouveau che non articoli in vendita. In questa pop novel travolgente e scanzonata che ha come sfondo la Romagna di Fellini si fa gara a chi è più strano...

Tre amiche, la Betti, la Vale e la Cri, e il Barozio, negozio di abbigliamento in cui i vestiti sono più le cavie di strampalati esperimenti art nouveau che non articoli in vendita. In questa pop novel travolgente e scanzonata che ha come sfondo la Romagna di Fellini si fa gara a chi è più strano: la Vale, psicologa, spalma Nutella sulle barrette di pasto sostitutivo, la Cri ama Babù, un "vero bluesman" che ha un’idea tutta sua delle relazioni affettive e dell'inglese e nel frattempo "lavora in un canile", la Betti ha come vicino di casa Jimmy," artista" dell’uso ricreativo di sostanze e radici, e insieme a lui insegna a un tappeto volante l'atterraggio. E come non bastasse c’è Sniff, cagnolino robot costruito per aggirare il regolamento condominiale che non prevede la presenza di animali: saltella, scodinzola, fa le fusa (qui Jimmy, l'inventore, si è confuso), sa ballare La morte del cigno, e ama lo yoga. E poi un fratello chiamato Filpsz, un bello da balera che sa dire solo Regolare, una autoproclamata star del rock giapponese e tutti gli altri componenti della ghenga, con cui Bettina Baldassari descrive una brigata di amici nella vitalissima provincia italiana.
 
Bettina Baldassari
BETTINA BALDASSARI è nata a e vive in Romagna. Musicista professionista, ha collaborato, come autrice di musiche e parole, con artisti come Vasco Rossi, Patti Pravo e gli Stadio. Ha inoltre curato la traduzione italiana di testi della colonna sonora del film “La gabbianella e il gatto” di Enzo D’Alò. Appassionata della scrittura in senso ampio, ha visto alcune sue poesie pubblicate da riviste specializzate. “La ghenga del Barozio” rappresenta il suo esordio nella narrativa.
Recensioni
 
Ti potrebbero interessare anche
AMERICA 2.0 Canzoni e racconti di una grande illusione
di Fabio Cerbone
 
Corpi estratti dalle macerie
di Franco Calandrini
 
Un mucchio di giorni così
di Angelo Calvisi