ULTIME USCITE
Liberami dal nulla
Tennessee Jones
Melting point
Baret Magarian
RASSEGNA STAMPA E RECENSIONI
 
Verso nord
di Willy Vlautin
prezzo online
14.00 €
 
collana:
pagine:
badlands
192
 
Recensione di Verso Nord di Willy Vlautin
di Arianna Mastroforti

Willy Vlautin, frontman del gruppo alternative country Richmond Fontaine, si dedica da diversi anni anche alla narrativa, e Northline è il suo secondo romanzo, e pare proprio mantenere i toni e i temi di una lenta e struggente ballata folk.

La protagonista del romanzo è Allison Johnson: «Aveva poco più di vent’anni, un aspetto ordinario, magra coi capelli neri e gli occhi blu.» Siamo di fronte alla storia di una ragazza allo sbando, che cerca rifugio nell’alcol e in amicizie sbagliate, con in sorte una famiglia che si disinteressa quasi completamente di lei, composta da una madre alcolizzata, una sorella minore che sembra voler ricalcare le sue stesse orme, e un padre fuggito tanto tempo fa. Barcamenandosi tra lavori occasionali e mediocri e molti rimpianti sul suo passato, vittima di una miseria che le piomba addosso e non le lascia scampo, sembra di vederla barcollare con in mano un miscuglio di vodka e 7up, senza una direzione precisa, senza pronunciare troppe parole, ma con uno sguardo mai totalmente rassegnato.

Sempre sull’orlo di un autolesionismo spietato e riservandosi un’autocritica brutale e intransigente, non si sconta neanche il minimo sbaglio: «Hai rovinato tutte le cose belle che ti sono capitate nella vita, hai fatto andare tutto sempre più a rotoli. Andrai all’inferno. Non importa quel che succede, tu comunque starai all’inferno per sempre.»

Dovrà toccare il fondo della disperazione e del disfacimento per trovare le ragioni e la spinta necessarie a spogliarsi di tutto il dolore che le tarpa le ali, e trovare la sua direzione.

È così che la protagonista abbandona una Las Vegas degradante e indifferente e fugge verso Nord, senza una meta precisa, ma mossa esclusivamente dalla sua forza di volontà. Con lei porterà solo quello di buono che le rimane: la musica country, una fortissima curiosità per ciò che non ha potuto ancora sperimentare e lo stravagante personaggio di Paul Newman, che nei momenti di maggiore sconforto le si materializza davanti, condividendo il suo dolore. Raggiungerà la città di Reno – peraltro città natale dell’autore – dove, vinti i mostri del suo passato, cercherà di ricostruirsi una vita.

Tracciare una linea di transizione verso Nord non costituisce per Allison il semplice esito di una necessità di fuga, di una cancellazione indolore del passato; incarna piuttosto un autentico ed essenziale spirito di sopravvivenza, che la protagonista matura solo attraverso un meticoloso lavoro su se stessa di accettazione del suo vissuto, dei propri sbagli e dei suoi stessi limiti: la rinascita non avviene con la rimozione dei propri demoni, ma con la raggiunta capacità di conviverci, di sublimarli in esperienza positiva per il futuro. «Ricordati, bimba, che non c’è nessun posto in cui tu possa fuggire da te stessa. Non c’è alcun posto in cui non ci siano i mentecatti, la morte, la violenza, i cambiamenti, la gente che arriva da fuori. Vai su nel Wyoming o nel Montana, e troverai le stesse cose che trovi a Las Vegas o a New Orleans. Ti troverai sempre a fare i conti con te stessa.»

Allison, insomma, non è niente di più una piccola ed eroica lottatrice che, pur avendo sperimentato solo il peggio che la vita può riservare, sa intimamente quale sia la cosa giusta da fare per riaffermare la sua dignità; e anche quando tutto sembra non avere più ragioni, la protagonista riesce a trovare una risposta agguerrita e sincera, con grazia e tenacia irriducibili.

In linea con la grande tradizione del bildungsroman, la maturazione di Allison e la ricostruzione della sua felicità sono possibili solo attraverso una presa di coscienza del marcio che si porta addosso e una riappacificazione con i fantasmi del suo vissuto.

Nel resoconto di questa delicata vicenda, l’occhio di Vlautin, narratore in terza persona, non è mai moralizzante. Egli si limita a seguire i passi incerti e malconci della protagonista, cui dedica dalle prime righe un forte supporto ideale, senza mai lasciare spazio ad un sovra-giudizio invasivo e riducendo ogni possibile artificiosità a favore di uno stile scarno e diretto. Vlautin sembra volerci dire che la storia parla da sola, senza bisogno di spenderci altre parole che non siano quelle già impiegate nelle pagine che raccontano aneddoti o riportano dialoghi ridotti all’osso. Insomma, non è mai detto su Allison nulla che non sia strettamente necessario, ma che è allo stesso tempo tanto incisivo ed eloquente da creare un irresistibile profilo della protagonista.


Leggi la recensione nella sua pagina web

Tutte le recensioni
Willy Vlautin, Verso nord (Marco Denti)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Sai che c’à di nuovo? L’America in libreria – 22 / 29 novembre (291113) (Luca Pantarotto)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Willy Vlautin, Verso nord (Monnalisa)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Willy Vlautin (Marco Denti)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
"Verso nord" di Willy Vlautin (Luciano Luciani)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Willy Vlautin, "Verso nord" (Manuel Graziani)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Vlautin Willy – Verso Nord (Massimo Orsi)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Recensione: “Verso Nord” di W. Vlautin (Massimo Martinelli)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Recensione di Verso Nord di Willy Vlautin (Arianna Mastroforti)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
La sala di lettura 13 (italianintransito.it)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
"Verso nord" (Gabriele Ottaviani)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Opera in fuga. La regionalità critica e affettiva in "Verso nord" di Willy Vlautin (Neil Campbell)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Willy Vlautin: un romanziere country-blues (Emanuele Pon)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Verso Nord - Willy Vlautin (Il gatto Zorba)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione