ULTIME USCITE
Con chi parli, Jonah?
Mark Sullivan
Fallire
James Greer
RASSEGNA STAMPA E RECENSIONI
 
Melting point
di Baret Magarian
prezzo online
14.00 €
 
collana:
pagine:
quarup
160
 
"Melting Point"
di Alessio Brandolini

Melting Point è l’esordio dello scrittore e musicista inglese Baret Magarian (Londra, 1968), da tempo trapiantato a Firenze. Sono 10 racconti che sorprendono (un po’ meno gli ultimi due) per la bravura della narrazione (veloce e precisa) e l’acutezza dello sguardo che perfora muri, apparenze e con leggerezza sa oltrepassare la barriera del tempo, del razionale. Per l’esplorazione di mondi e luoghi, di personaggi così diversi l’uno dall’altro che si incontrano (o scontrano) in questo crogiolo che è la nostra vita e nel quale talvolta si può scorgere il momento esatto, il punto di fusione suggerito dal titolo in inglese, lingua nella quale sono stati scritti i racconti per poi essere tradotti per lo più da Andrea Sirotti ed Elena Mancini. La tela del dolore è la prima tappa di questo viaggio nella letteratura di Magarian, una storia misteriosa con al centro un “pacco pazzo” che contiene un manoscritto. Il terzo racconto s’intitola Isola ed è un piccolo gioiello (un romanzo in embrione) che contiene all’interno un’altra storia generata da uno slittamento temporale: tra ironia e follia, geniale e un po’ slegato ma “siamo tutti ad avere qualcosa di scassato in testa”. Anche il successivo, Cancellare le onde, sorprende perché è l’opposto del canone del “realismo magico”: qui è la magia a farsi realtà quotidiana e “la complicata ragnatela di cicatrici allo stomaco” del protagonista è il segno che il proprio fallimento è stato così totale da venirne poi fuori rafforzato, tanto da imboccare un nuovo cammino. Il sesto racconto Salvatore è ambientato a Firenze e sviluppa la vena tragicomica dell’autore. Il successivo Gli occhi oppiati del Buddha, ambientato in Sri Lanka, è forse il più elaborato e ambizioso e prova a dar forma a un mondo disordinato, dove un luogo incantato può trasformarsi in inferno e una tragica avventura nella comprensione della propria esistenza, nel punto di fusione dei propri contrastanti sentimenti. Alba, ambientato in Calabria, è nella linea di Salvatore, ma di un realismo più tragico. Chiudono il libro Meltdown e Le vesti d’acqua.
L’umorismo sottile e la freschezza (lo scatto rapido) della scrittura di Baret Magarian si fondono alla sua capacità di descrivere la complessità del nostro mondo, dei sentimenti umani. Molti i riferimenti (ma inseriti con destrezza e discrezione) musicali, cinematografici e letterari.
Bella la nota finale dello scrittore inglese Jonathan Coe che per primo, vent’anni fa, dopo aver letto alcuni inediti di Baret Magarian, fiutò il talento e l’originalità della sua scrittura.


Leggi la recensione nella sua pagina web

Tutte le recensioni
Ampersand interview 6 – Author Baret Magarian: “My favorite joke? That’s easy. Boris Johnson.” (Mundy Walsh & Lyall Harris)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
"Solo chi sa aspettare ottiene il meglio" (Marco Incardona)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
I racconti di Baret per un viaggio nelle fragilità (Irene Roberti Vittory)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
A Q&A with Baret Magarian (Marlena Smith)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
Baret Magarian, "Melting point" (Alfredo Ronci)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione
 
"Melting Point" (Alessio Brandolini)
guarda il video
guarda il video
leggi la recensione
scarica il pdf della recensione
leggi la recensione